martedì 28 agosto 2012

A Lignano abbiamo scelto la felicità! :)


Fine delle vacanze.
Tempo di resoconti.
Non che lo debba essere per forza, ma mi piace darmi delle tappe, scandire il tempo.
Come ogni anno da quando ne ho uno, Lignano non è mancata. Anzi, quest'anno è stata l'unica protagonista.
Protagonista di incomprensioni, ma anche di paci, di amicizie grandi e di quelle che si stanno perdendo col tempo, protagonista di grandi alcolici festeggiamenti ma anche salutari corse di più di 7 km...
Tanti volti hanno riempito questa estate, ma due su tutti sono quelli di Ale e Giorgia.
Da quest'anno siamo diventati i 3 moschettieri. Sembra una cosa stupida e forse lo è, all'apparenza.
E' solo un modo simpatico per dirci che ci siamo l'uno per gli altri SEMPRE, perchè tutti per uno, uno per tutti.
E' stata la vacanza che ha avuto un motto preciso: "La felicità è una scelta". Tanto importante ricordarlo che se ne è fatto pure un cartello da appendere in casa.
Sì. Nella vita si sceglie come stare. Si sceglie di andare a correre. E si sceglie di fregarsene di non andare alla velocità degli altri nelle prime 6 corse. Si sceglie di uscire di casa, andare in spiaggia e risalire dai propri baratri. Si sceglie di mettere in discussione i propri sentimenti coscienziosi che tutto può cambiare ma anche che è importante fare le cose con la giusta convinzione. Si sceglie di buttarsi da un baratro, spiccando folli salti. E a volte, anche da chi meno lo avresti potuto prevedere avviene il tuffo.
Tuffo al cuore. Perchè quest'estate è stato un sentimentalismo unico. Quanto amore abbiamo dentro di noi!
Al di là dei megafonini, degli shottini del Dok, dei tostoni del Tenda, dei bagni al Fresh Pool, dei canti sulla navetta, al di là di tutto questo (tutte cose fantastiche!!!!!) la cosa più bella di questa estate siamo stati noi!
Non resta che dire GRAZIE a tutti, nessuno escluso...

2 commenti:

  1. Chiara Franzil28 agosto 2012 22:48

    Si, a Lignano avete scelto la felicità. Non l'avete fatto con grandi gesti o dichiarazioni eclatanti - se non il cartello che dondolava al lampadario - ma l'avete fatto nella semplicità delle piccole cose cose quotidiane. Avete scelto la felicità e questa volta scelta è stata così potente da diventare contagiosa, da serpeggiare per il Friuli fino a Udine per invitarmi a salire in macchina e a raggiungervi. Una promessa tacita che è stata mantenuta. A Lignano - luogo di ricordi così belli da divenatare dolrosi, di possibili e temuti incontri - pensavo di non metterci piede quest'anno, se non per qualche serara. Invece ci ho trovato l'inaspettato: chiacchiere, risate, nuove mani da stringere, nuovi nomi da ricordare con piacere, musica da ballare, sole da prendere... La felicità è una scelta, ma non è sempre una scelta facile, a volte, nonostante tutto non si riesce ad afferrarla.. voi a Lignano me ne avete regalata, però, e mi ha fatto un bene da pazzi. Grazie lo dico io a te, Silvia, per l'ospitalità stupenda, ma anche per le chiacchiere di scuola e di altro, per le risate, per avermi mostrato la "tartaruga" che sei, per averci permesso di scoprirci più simili di quanto le nostre diatribe universitarie potessero far sospettare... Grazie a Carlo per gli aperitivi birra & salsa rosa e i consigli sull'abbronzatura, a Giorgia, Filippo, Riccardo, Ale, a tutti... perchè la felicità è una scelta, ma può essere anche un regalo. E voi me l'avete fatto.

    RispondiElimina
  2. è stato solo che un piacere averti tra noi... e se noi forse un po' di felicità te l'abbiamo regalata, non c'è dubbio che sia stata tu a scegliere di accettarla... tu hai scelto di salire su quella macchina e raggiungerci, tu hai scelto di fregartene della nostra alla fine non così profonda conoscenza (ma su questo punto ora ci stiamo muovendo per migliorare), tu hai scelto di fermarti un giorno in più (eh beh, sì, tua sorella ha contribuito), tu hai scelto di aprirti e lasciare che quella felicità che aleggiava entrasse anche dentro di te. Se non avessi aperto le tue porte, noi non saremmo mai potuti entrare ;)

    RispondiElimina